Legal Love – La dott.ssa Francesca Barbato: “Bisogna avvicinare i ragazzi alle istituzioni”

 

Road to green 2020 ha presentato, lo scorso 1° marzo, “Legal Love”. Un progetto educativo nato da un’idea del Presidente di Road to green 2020 Barbara Molinario e dell’Avv. Marina Condoleo con il patrocinio del Ministero della Cultura, di Consumerismo, di Borsa Merci Telematica Italiana BMTI e di Metro News; con il sostegno del Ministero della Salute.
La conferenza di lancio, che ha visto la partecipazione di professionisti del mondo sanitario e delle istituzioni, si è tenuta presso l’Auditorium “Cosimo Piccinno” – Ministero della Salute.

Ad appoggiare questo progetto sin dall’inizio è la Dott.ssa Francesca Barbato, consigliera comunale di Roma capitale.

“Penso che ci sia bisogno di avvicinare di più i ragazzi alle istituzioni e alla politica, che negli ultimi anni è stata presentata in maniera molto negativa creando una frattura tra istituzioni e cittadini”

La Consigliera si ricollega all’educazione, spostando l’attenzione al cambiamento che ha subito la società e il modo di comunicare. Ha sottolineato come tutti i modelli valoriali che veniva trasmessi in passato attraverso la famiglia, la parrocchia e la scuola venivano trasmessi, oggi non esistono più.

“Bisogna capire che nella scuola vanno modificate alcune cose. Come prima cosa bisogna fare chiarezza sul sistema valoriale di riferimento della società che noi abbiamo e la modalità in cui vogliamo trasmetterlo. Dobbiamo fare i conti con il fatto che i giovani si confrontano con un mondo che è diverso; allora perché non aiutare la comunicazione alla trasposizione di questi valori che poi ci aiutano a prevenire tutti quei fenomeni negativi di cui abbiamo parlato prima, supportando gli strumenti tradizionali della didattica?”

La dott.ssa si è espressa con parole entusiastiche nei confronti del progetto Legal Love. Ha sottolineato l’importanza di portare iniziative del genere proprio nelle scuole, in modo da poter trasmettere ai giovani quei valori che, un po’, sono andati persi.

A cura di Emanuela D’Alessio