Mentre la bella è addormentata le rose si cibano di compost e ricoprono il castello

 

C’era una volta un Re e una Regina che per il battesimo della tanto attesa figlia decidono di invitare tutte le fate del regno, tranne una. Alla bambina vengono fatti doni preziosi come bellezza, saggezza e talento ma, purtroppo, l’esclusa fata cattiva lancia una grande maledizione che vedrà la giovane, all’età di 15 anni, pungersi con un arcolaio e cadere in un sonno profondo insieme a tutta la corte. Gli abitanti del castello erano soliti utilizzare tutti gli scarti di cibo per fertilizzare il giardino che, per tutto il tempo dell’incantesimo, crebbe rigoglioso di rovi e di spine in modo da proteggere la Bella Addormentata nel bosco fino a quando non fu risvegliata dal bacio del Principe.

 

Dai diamanti non nasce niente, ma dal compost nascono i fiori! Il compost è un terriccio, ottenuto dalla fermentazione e trasformazione di materie organiche, come gli scarti di cibo. È un ottimo concime per fiori, piante verdure e ortaggi, ricco di proteine e carboidrati. Si tratta di un concime assolutamente naturale ottenuto a partire dai rifiuti di umido organico, utilizzando, ad esempio, avanzi di cibo, gusci d’uovo, fondi di caffè, sfalci di piccole piante o fiori, cenere di legna, eccetera. Può essere realizzato anche in casa, è un esempio perfetto di economia circolare. Il compostaggio domestico è una pratica semplice, divertente e concreta che sempre più spesso viene attuata da chi ha un giardino o un orto per ridurre la produzione di rifiuti e riciclare in proprio gli scarti casalinghi.