it Italiano
en Englishit Italiano

NO ai botti di Capodanno! Animali e ambiente ringraziano

18.12.2018
|

NO ai botti di Capodanno! Animali e ambiente ringraziano.

Road to green 2020 si unisce alle numerose associazioni animaliste e ambientaliste che chiedono di fermare questo tipo di festeggiamenti.

Con l’avvicinarsi della notte di San Silvestro, si torna a parlare della questione dei botti di capodanno. Molte associazioni, da anni, chiedono che vengano aboliti, sostenendo che siano causa di morte per molte specie animali, come uccelli, cani e gatti. L’associazione Road to Green 2020 si unisce al coro di coloro che chiedono di festeggiare il nuovo anno rispettando l’ambiente e tutte le specie animali che lo abitano.

Ogni anno tra i cittadini si registrano diversi incidenti causati un uso improprio e poco sicuro dei botti (il bilancio dell’ultimo Capodanno è stato di 212 feriti, per 36 dei quali è stato necessario il ricovero), ma anche la morte, il ferimento e traumi di vario tipo ai danni di animali domestici e selvatici.

Secondo le stime del WWF, in Italia sono almeno 5000 gli animali che ogni anno perdono la vita a causa dei festeggiamenti per il nuovo anno, nell’80% dei casi si tratta di animali selvatici, soprattutto uccelli. Ai decessi si aggiungono i casi di trauma da stress, che talvolta può portare al decesso dell’animale, e che interessa principalmente gatti e soprattutto cani.

Inoltre, lo scoppio dei fuochi immette nell’aria sostanze nocive, come piombo, cromo, stronzio, potassio, magnesio, bario, alluminio, titanio, rame, zolfo e manganese.

Perché, dunque, continuare a festeggiare in questo modo? Perché non sostituire ai tradizionali botti delle lanterne volanti? Sono più sicure ed ecologiche, completamente silenziose, ma per questo non meno scenografiche!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *