it Italiano
en Englishit Italiano

Le chiese di legno in Ucraina, un piccolo tesoro patrimonio dell’Unesco

19.09.2017
|

Le chiese di legno in Ucraina, un piccolo tesoro patrimonio dell’Unesco

English version Available

Nel cuore nascosto dagli alberi e dalle foglie, di uno dei paesi dell’est più verde e incontaminato di tutti, giace un piccolo tesoro celato agli occhi delle megalopoli, che stringe a se solo passanti colti nella via di mezzo, tra fioriture maestose e costruzioni che riportano indietro nel tempo.

Nelle zone più rurali dell’Ucraina si incontra un mix di fede e bellezza naturale mista ad architettura d’altri tempi, qui dove le chiese in legno segnano il passaggio di tante epoche diverse, che racconta quanto tutto sia immutato.

La regione occidentale del paese è caratterizzata dalla presenza di un’architettura vernacolare che vanta numerose e insolite chiese in legno e ancora oggi come luogo di culto.

La loro esistenza secolare fa pensare che queste siano inizialmente state edificate tra il XIV e il XVIII secolo dai locali che preferirono uno stile di costruzione gotico, intrecciando elementi della tradizione locale con quelli della tradizione ecclesiastica ortodossa.

La maggior parte di queste sono costruite su un piano tripartito che si smonta poi su cupole ortogonali o quadrilateri, affascinanti sono in queste le torri campanili e gli enormi tappeti colorati. Cingono il tutto dei contorni decorativi con policrome interne tutte facenti evidente riferimento a simbologia sacra.

Tra le più famose da notare è sicuramente la Chiesa di San Michele Arcangelo, essa si piazza nella regione dei Carpazi. Un piccolo gioiellino eretto su un pendio che domina dall’alto e si incastona perfettamente con la natura che la circonda.

La chiesa in legno ha la peculiarità di mantenere tutte le sue parti originali pur avendo una certa età. Sul territorio nazionale si contano all’incirca tremila e più chiese sparse, diventate col passare degli anni simboli di culto preziosi che riportano indietro nel tempo.

Otto di queste sono diventate ufficialmente patrimonio dell’Unesco dal 2010, da quando nel paese è entrata in vigore la conservazione/fruizione di tutti gli edifici sacri del paese.

Editor: Michael Singleton

Come visto su Fashion News Magazine

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*Errore nel compilare il campo