it Italiano
en Englishit Italiano

A Dubai arrivano le Smart Palm per ricaricare i cellulari

A Dubai arrivano le Smart Palm per ricaricare i cellulari

 

Nell’esotica Dubai le palme diventano 2.0 e fotovoltaiche. Nel cuore della città degli Emirati Arabi vicino alla località di Jumeirah è stata installata la prima delle 103 Smart Palm, degli alberi solari e ad alta tecnologia in grado di catturare la luce proveniente dal sole e restituire energia pulita permettendo quindi di ricaricare smartphone e tablet.

Con un’efficienza che supera il 20%, le nuove Smart Palm verranno installate su ogni spiaggia lungo la costa, tutto ciò come parte di un obiettivo ambizioso che vede una futura conversione di Dubai in “smart city”.

 

 

Le stazioni solari garantiranno ai bagnanti una connessione Wi-Fi sicura ed accessibile da cui poter ricaricare il proprio telefono ma anche avere accesso a informazioni meteo aggiornate, oltre che una panoramica degli annunci locali. 

Alimentate dalla stessa energia che sono in grado di produrre questi nuovi “alberi tecnologici” sono, in pratica, delle torri alte circa 2m a forma di palma e ricoperte per circa 1,3 mq di pannelli in grado di assorbire luce.

Le palme in totale ospitano otto stazioni di ricarica e una Wi-Fi per far collegare oltre 50 utenti contemporaneamente, accanto ad ognuna di esse sarà possibile apprezzare la presenza di un piccolo salottino dove potersi rilassare nell’attesa che il proprio smartphone si ricarichi.

 

 

Stando a quanto dichiarato dalla stessa società produttrice le palme sarebbero in grado di caricare tutte le batterie almeno 3 volte più velocemente di quanto possa fare una presa normale, da casa. Grazie ad una piccola batteria che raccoglie l’energia generata di giorno questi alberi hi-tech si illumineranno anche di notte.

Un sistema 2.0 nato a Dubai la capitale dello sfarzo e del lusso ma che potrebbe anche essere replicato altrove, magari portando l’energia a chi non ne ha ancora accesso.

Editor: Michael Singleton

Come visto su Fashion News Magazine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*Errore nel compilare il campo